Ecco perché febbraio è il mese delle emozioni

Il mese di febbraio si sa è un mese importante per diverse ragioni, vediamole insieme.

Non tutti sanno che in questo mese si celebra una tradizione sia pagana che cristiana di purificazione: dai termini februimfebruaire deriva la parola ‘febbraio’, ovvero il mese di purificazione per gli antichi Romani.  Il februum era il materiale o l’oggetto usato da essi in particolari occasioni di purificazione, come in questo mese governato dal segno dell’Acquario (che effonde acqua): ultimo mese dell’antico anno romano, e, di conseguenza, mese in cui la purificazione della terra veniva completata.

Nel giorno 2 di febbraio, infatti si celebra la Purificazione della Beata Vergine Maria, nel calendario romano della Chiesa cattolica, facendo riferimento al rito di purificazione a cui Maria partecipò 40 giorni dopo la nascita di Gesù, menzionato nel Vangelo di Luca.

Ma Febbraio è noto anche come Black History Month, ovvero il “Mese della storia nera” per celebrare l’importanza delle persone e degli eventi nella storia della diaspora africana: ricorrenza osservata negli Stati Uniti d’America, in Canada e nel Regno Unito.

Ma è inutile negarlo: il mese di Febbraio è noto per il giorno di San Valentino, croce e delizia delle persone innamorate!

Sicuramente importante anche per tutte le persone che lavorano maggiormente intorno al giorno 14, in quanto è usanza scambiarsi doni favorendo quindi l’aspetto commerciale della ricorrenza.

Un aspetto però da tenere in considerazione consiste nelle emozioni precedenti e conseguenti a questa giornata.

Fino a pochi anni fa infatti la percentuale di persone che accusavano sintomi depressivi a causa di questa ricorrenza era intorno al 33% (uno su tre), adesso si stimano dati più incoraggianti grazie anche “all’isolamento da Covid” che ha sdoganato ulteriormente molte più possibilità di incontri, virtuali e non, attraverso l’uso della tecnologia.

Altro fattore da monitorare riguarda le usanze americane relative al mese di febbraio, non ancora diventate piena realtà da noi in Italia, ma se pensiamo ad Hallowen, il salto potrebbe essere breve.

Negli USA infatti a febbraio vi è gran festa per più giornate, con immenso piacere dei commercianti, in quanto l’esaltazione dei sentimenti non si ferma al solo giorno 14, per le coppie innamorate fedeli, ma si declina nelle varie sfaccettature legate all’intera settimana di San Valentino, che inizia il giorno sette e si conclude appunto il 14, attraverso le ricorrenze del:

  • 7: Rose Day (il giorno delle rose in regalo)
  • 8: Propose Day (il giorno della proposta amorosa)
  • 9: Chocolate Day (il giorno del cioccolato in regalo)
  • 10: Teddy Day (il giorno del peluche in regalo)
  • 11: Promise Day (il giorno della promessa di impegno verso il partner)
  • 12: Hug Day (il giorno del conforto e dell’abbraccio)
  • 13: Kiss Day (il giorno del bacio tra amanti)
  • 14: Valentine’s Day (il giorno delle coppie innamorate)

Il giorno 13 è noto come Mistress Day, ovvero il giorno in cui gli amanti traditori festeggiano le loro relazioni segrete.

E come dimenticare il giorno 15, detto da noi, San Faustino?

La festa dei Single, chiamato anche Slap Day (ovvero la giornata dello schiaffo) dà poi il via alla settimana Anti San Valentino, che vede altre ricorrenze quali:

  • 16: kick day (giornata del calcio agli altri come forma di saluto)
  • 17: perfume day (giornata in cui gli amanti si scambiano profumi)
  • 18: flirt day (giornata dedicata al flirt amoroso)
  • 19: confession day (giornata ove si confessano i segreti)
  • 20: missing day (giornata in cui si pensa alla persona amata perduta)
  • 21: breakup day (giornata in cui chiudere un rapporto non sano).

Come si può evincere, il mese di febbraio risulta essere un periodo incentrato sulle emozioni, ciò comporta anche un possibile stress nella gestione dei propri sentimenti e pensieri che affollano la mente.

Ogni relazione prevede uno sforzo, un impegno che non tutti sono capaci di affrontare a lungo e ciò può comportare la fine di una storia con conseguenze emozionali importanti.

Le emozioni infatti possono toccare apici infinitamente piacevoli in alcune situazioni, ma altrettanto smisuratamente sregolati in altre, tanto da sfociare in atti persecutori e violenti, dando poi vita ai fatti di cronaca che riempiono i giornali.

Comprendere le proprie ed altrui emozioni, derivanti dai pensieri, è un atto necessario per vivere bene con se stessi e un eventuale partner in una dimensione di rispetto e serenità.

In questo mese, più degli altri, può essere utile farsi un regalo (anche di coppia volendo!) monitorando la propria situazione sentimentale con un professionista che possa supportare, in modo mirato e puntuale, l’elaborazione corretta perché, si sa, “si può amare da morire ma morire d’amore no!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.